Visualizzazione post con etichetta Pierfranco Bruni. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Pierfranco Bruni. Mostra tutti i post

mercoledì 1 febbraio 2017

Emily Brontë si fa partecipazione simbolica. Avrebbe continuato a scrivere la storia di Hareton e Caty

Emily-Bronte-partecipazione-simbolica-storia
Pierfranco Bruni
ROMA - Emily Brontë e “Cime tempestose” a 170 dalla pubblicazione. Mentre si verso il bicentenario della scrittrice. Emily Brontë (nata a Thornton il  30 luglio 1818 e morte a Haworth il 19 dicembre del 1848) pubblica Cime tempestose (ovvero Wuthering Heights) il 1847. L’anno prima aveva pubblicato, insieme alle sorelle Anne e Charlotte, un libro di poesie usando pseudonimi maschili.

sabato 15 ottobre 2016

Teresa D'Avila, la mistica che ha creduto nella metafisica dell’anima e ha fatto dell’anima un testamento di spiritualità

Teresa-DAvila-mistica-metafisica-anima
Pierfranco Bruni e Santa Teresa d'Avila
ROMA - Oggi, 15 ottobre, la festa della  mistica Teresa D'Avila. Una Santa dimenticata a 500 anni dalla nascita. “Nulla ti turbi, nulla ti spaventi. Tutto passa, solo Dio non cambia. La pazienza ottiene tutto. Chi ha Dio non manca di nulla: solo Dio basta! Il tuo desiderio sia vedere Dio, il tuo timore, perderlo, il tuo dolore, non possederlo, la tua gioia sia ciò che può portarti verso di lui e vivrai in una grande pace”. (Santa Tersa D’Avila).

lunedì 10 ottobre 2016

"Donne Mediterranee e Balcaniche in immagini”, mostra a Cosenza dal 12 ottobre 2016. L'interfaccia tra culture ed etnie

Donne-Mediterranee-e-Balcaniche-immagini
COSENZA - Le donne del Mediterraneo e dei Balcani nell’antropologia della conoscenza dei popoli in Mostra. Incisivo o periferia degli esclusi? Il Mediterraneo è stato sempre un legame e uno scontro. È nelle epoche che è stato percepito e vissuto come tale. Si può parlare di un Mediterraneo delle culture all’interno dei processi geopolitici? Quale valore ha il legame tra l’Europa storica del Nord e un Mediterraneo tutto intrecciato tra divisioni etniche e religiose?

sabato 24 settembre 2016

Eva Degl’Innocenti, diretttrice del Museo di Taranto, protagonista nel rilanciare le culture della Magna Grecia

Eva-DeglInnocenti-diretttrice-del-Museo
Eva Degl'Innocenti
TARANTO - Il Museo di Taranto e il ruolo centrale della direttrice Eva Degl’Innocenti nel rilanciare le culture della Magna Grecia. Non è mai esistito un problema “dimissioni” della direttrice del Museo Nazionale di Taranto (MarTa) Eva Degl’Innocenti. Ma sulla questione non vale spendere altre parole. Però bisogna precisare un fatto: il pensiero delle dimissioni “non è rientrato”, non c’è mai stato, non è mai esistito, non si è mai discusso  un tale fatto ed è molto strano, come la direttrice stessa ha subito smentito e chiarito, che sia nata questa voce.

domenica 28 agosto 2016

Violeta del Carmen Parra Sandoval mi ha formato ascoltandola, leggendola, osservandola. L'assurdo delle democrazie

Violeta-del-Carmen-Parra-Sandoval
Violeta del Carmen Parra Sandoval e Pierfranco Bruni
ROMA - Nel centenario della nascita di Violeta del Carmen Parra Sandoval e a 50 anni dal suo suicidio per rendere grazie alla vita in un canto sciamano. Violeta Parra ha accompagnato, con la solitudine che mi sono tracciato per i fatti importanti che tracciano la mia vidas e che nessuno ancora è riuscita ad entrarci perché alcuno è riuscito a capire e penetrare il sottosuolo e mai nessuno entrerà, e accompagna tutto il mio viaggio.

mercoledì 27 luglio 2016

Il soprannaturale è eterno. Il senso del divino incontra il tragico con Simone Weil. Ma soprattutto il contemplante

soprannaturale-eterno-divino-Simone-Weil
Simone Weil
ROMA - Testimonianza spirituale nella voce di Simone Weil. L’esperienza spirituale è un cammino di attraversamento. Il Pensiero è un passaggio tra l’anima e la mente. Penetra il tempo. Il tempo metafora delle vite e delle memorie nelle quali le vite stesse continuano a vivere. I radicamenti sono anche nel vissuto delle nostalgie. Noi siamo nostalgia. Maria Zambrano e Simone Weil. Cristina Campo e Antonia Pozzi.

lunedì 25 luglio 2016

Tutto non è toccabile. Può essere toccata una parola? Silvina Ocampo ci pone davanti a questo interrogativo

parola-Silvina-Ocampo-interrogativo-Pierfranco-Bruni
Silvina Ocampo
ROMA - La parola che non si ascolta ma si tocca. Io e Silvina Acampo. C’è  sempre un “passaporto per il Paradiso” lungo le strade di Gerico o attraversando il deserto che porta a Damasco. La poesia è un linguaggio del percettivo e non dell’inutile.
La parola diventa cosciente indefinibile anche quando i sentieri dell’oblio si fanno geografie dell’impossibile.

martedì 19 luglio 2016

Neria De Giovanni: Pierfranco Bruni presenta il “Mal giocondo” del Pirandello poeta che in pochi conoscono

Neria-De-Giovanni-Pierfranco-Bruni-Pirandello
Neria De Giovanni
ROMA - Pirandello nostro contemporaneo, potremmo dire leggendo questo ultimo libro di Pierfranco Bruni. Pirandello, la cui lettura ci aiuta a capire le nostre inquietudini, le angosce ma anche le utopìe, le follìe e le speranze. E questo grazie alla sensibilità e la profondità di studioso che Pierfranco Bruni dimostra ancora una volta. La critica letteraria italiana spesso ci costringe a leggere libri che sembrano sterili esercizi, giochi intellettuali, soltanto utili per i concorsi universitari di un sapere sempre più particellizzato.

lunedì 18 luglio 2016

“Cime tempestose" di una scrittrice nella nostalgia. Emily Brontë e la casa che diventa nido di intrighi e cocenti dolori

Cime-tempestose-scrittrice-nostalgia-Emily-Bronte
Emily Brontë e Pierfranco Bruni
ROMA - Emily Brontë e le brughiere selvagge di “Cime tempestose”. Una scrittrice nella nostalgia. Emily Brontë pubblica Cime tempestose (ovvero Wuthering Heights) il 1847. L’anno prima aveva pubblicato, insieme alle sorelle Anne e Charlotte, un libro di poesie usando pseudonimi maschili. Era nata a Thornton nel 1818. La morte, avvenuta per tisi, la colse, all’età di trent’anni, nel 1848. Lo stesso anno, tre mesi prima, muore il fratello, l’amato fratello di nome Branwell, mentre l’anno successivo muore la sorella Anne e nel 1855 Charlotte.

mercoledì 13 luglio 2016

Mia Martini, la voce femminile più mediterranea della musica italiana. Calabria strascinata tra le onde e il mare

Mia-Martini-voce-femminile-musica
ROMA - Ho conosciuto Mia Martini al tempo di nella Nevicata del '56. Una voce un canto un Minuetto. L'arte e la poesia nell'universo. Non ho mai smesso di ascoltare Mia Martini. Anni lunghi sono passati. Era al tempo del liceo. I suoi Orienti, le donne, la donna, il suo minuetto, i cieli. Una cantante? Una interprete? I suoi testi… 
Ma tutto questo ha senso?

martedì 12 luglio 2016

La donna fece un cerchio sulla sabbia. Al centro disegnò un'aquila e fece sembrare che il vento ondeggiasse

donna-cerchio-sabbia-aquila-vento
Pierfranco Bruni
ROMA - Il tempo passa lasciando passi di cammelli. Si racconta sempre una storia. Nel tempo che lacera ma il tempo è una costante lacerazione. Voglio qui raccontare un sogno. O una storia c'era accaduta nel cuore e nell'anima. Così farò. La donna fece un cerchio sulla sabbia. Al centro disegnò un'aquila e con delle piccole linee fece sembrare che il vento ondeggiasse. Poi si inginocchio' con le mani giunte come se dovesse pregare.

domenica 10 luglio 2016

Angela Lo Passo: Pierfranco Bruni da De André a Tenco, da Califano a Battiato racconta la letteratura come poesia

Angela-Lo-Passo-Pierfranco-Bruni-De-Andre
Angela Lo Passo
ROMA - Pierfranco Bruni racconta i cantautori sul filo della letteratura. Da Califano a Tenco. La canzone d’autore nell’intreccio con la poesia. Può un poeta non sentirsi poeta? Può schernirsi dicendo che non è un poeta perché “non ha che lacrime da offrire al Silenzio” (S. Corazzini, Desolazione del povero poeta sentimentale). E si potrebbe continuare a dire che “le mie tristezze sono povere tristezze comuni.

sabato 9 luglio 2016

Il messaggio divino di Giovanna d’Arco è nella storia recente. E la trasposizione religiosa diventa trasmissione di cultura

messaggio-divino-Giovanna-dArco-storia
Pierfranco Bruni
ROMA - Lacerazioni di un tempo che ha bisogno di eretici veri: Giovanna d’Arco. Era il maggio del 1431. Sulla Piazza del Vieux – Marché sul rogo bruciava  Giovanna. Era nata nel 1412 a Domrémy. Giovanna è un mito. Una storia che traccia destini. Soltanto nel 1894 viene proclamata venerabile da Leone XIII e Pio X nel 1909 le dà la beatificazione. Mentre è Benedetto XV che nel 1920 la santifica.

martedì 14 giugno 2016

Il romanzo di Grazia Deledda “Cenere” unico film di Eleonora Duse tratto da un amore clandestino di Eduardo Scarfoglio

romanzo-Grazia-Deledda-Cenere-film
Eleonora Duse
ROMA - Rivelazioni. Il romanzo di Deledda “Cenere” diventato l’unico film di Eleonora Duse è tratto da un amore clandestino di Eduardo Scarfoglio? Io dico di sì! A 80 anni dalla morte di Deledda e a 90 dal Premio Nobel. A cento anni dal film “Cenere”, unico film interpretato da Eleonora Duse, e ad 80 anni dalla morte dell’autrice del romanzo Grazia Deledda e a 90 dal conferimento del Nobel per la letteratura, il legame tra una storia vera, l’amore tra Scarfoglio e la cantante Bessard e il romanzo di Deledda rivela una sorprendente somiglianza. Rivelazione di grande suggestione letteraria e umana.

sabato 14 maggio 2016

Marta Abba in Pirandello ed Eleonora Duse in D'Annunzio. Lectio magistralis di Pierfranco Bruni

Marta-Abba-Pirandello-Eleonora-Duse
CATANIA - La donna di Pierfranco Bruni tra Pirandello D'Annunzio e il Mediterraneo. Bruni da Catania a Torino per discutere della donna in Pirandello, in D'Annunzio e nel Mediterraneo. Lunedì 16 maggio 2016, Pierfranco Bruni a Catania per una Lectio Magistralis sul tema : "Marta Abba in Pirandello ed Eleonora Duse in D'Annunzio". Un tema affascinate con il quale l'intellettuale e scrittore italiano annuncia il suo prossimo libro dedicato proprio a Pirandello la cui uscita è prevista con Nemapress per settembre in occasione del Premio Scanno che dedicherà a Pirandello la manifestazione di apertura.

domenica 8 maggio 2016

Io e te madre ora non strappiamo più alcuna assenza nel cercare memorie antiche

madre-assenza-memorie-antiche
ROMA - Non furono vane le parole. Madre erano le assenze precipitate nel meriggio per chiudere il dialogo di una vita non c'eri più quando a stringerti le mani i tuoi occhi rimasero in silenzio ed il silenzio segnò il viaggio delle mie sere.
Io e te madre ora non strappiamo più alcuna assenza nel cercare memorie antiche.

venerdì 6 maggio 2016

Una poesia nel Rinascimento. Il sublime e l’estasi di Pedra Francisca (Antonia) de La Valle. Recita con lo sguardo

poesia-Rinascimento-estasi-Pedra-Francisca
GROTTAGLIE - Il sublime e l’estasi di Pedra Francisca (Antonia) de La Valle. Una poesia nel Rinascimento. Il Rinascimento è il secolo in cui la poesia è attraversata dalla figura della donna come leggenda, come dama e come donna – cavaliere. È l’epoca che annuncia Cervantes, ma è anche il contesto in cui Angelica fa uscir di senno. È il tempo della pazzia d’amore e vengono completamente superate sia la voce di Saffo che quella di Eloisa.

sabato 23 aprile 2016

“Giuseppe Moscati. Nella vita nascosta con Cristo in Dio", un libro curato dalla studiosa tarantina Micol Bruni

“Giuseppe Moscati. Nella vita nascosta con Cristo in Dio", un libro curato dalla studiosa tarantina Micol Bruni
Micol Bruni
ROMA - Essere cristiani oggi con San Giuseppe Moscati in un libro e in un video a 89 anni dalla morte. San Giuseppe Moscati tra fede, cultura e “teologia del mistero”. Un legame significativo che ha dato la chiave di lettura alla nuova edizione del saggio dal titolo: “Giuseppe Moscati. Nella vita nascosta con Cristo in Dio", curato dalla studiosa tarantina Micol Bruni (Edizioni Nemapress, con Progetto del Centro Studi e Ricerche "Francesco Grisi”).
L’intero lavoro su Moscati è stato realizzato da studiosi come  Gerardo Picardo, Marilena Cavallo, Neria De Giovanni, Giulio Rolando, Tommaso Romano, Maria Giovanna Russo Caradonna, Carmen De Stasio, padre Salvatore Discepolo S.J., Micol Bruni, (che ha curato l'intera ricerca con una ampia introduzione e bibliografia).
La Postfazione è di Pierfranco Bruni, Presidente del Centro Studi e Ricerche "Francesco Grisi".

mercoledì 2 luglio 2014

Claudia Rende scrive "Solstizio sul Piave - Ettore Manes, ritratto di un eroe"

CASTROVILLARI (COSENZA) - Sarà presentato a Castrovillari, Cosenza, sabato 19 luglio 2014, nella sala convegni di San Girolamo alle ore 19, durante il convegno dal titolo "A 100 anni dalla prima guerra mondiale, in una prospettiva di pace", alla presenza di autorità militari, civili e religiose, il volume "Solstizio sul Piave - Ettore Manes, ritratto di un eroe" di Claudia Rende, edito da Arte26. La relazione sul volume è affidata a Pierfranco Bruni, responsabile Progetto Etnie del Ministero Beni Culturali e Turismo.
Un evento di rilievo nazionale, nell'ambito delle celebrazioni del centenario della Grande Guerra, organizzato con il Patrocinio della Regione Calabria, del Comune di Castrovillari, della Caserma Ettore Manes e dell'Ente Parco Nazionale del Pollino.
Ai saluti istituzionali del commissario prefettizio del Comune, Mariani, e del comandante della Caserma Manes, tenente Luca Guarriello, seguirà l'intervento del professore Egidio Chiarella, collaboratore del Miur, giornalista del comitato di redazione dell'Agenzia di informazione internazionale Chiesa Cattolica, Zenit.org, che tratterà del valore della memoria nel mondo di Internet.
I lavori del convegno saranno coordinati dall'antropologa Maria Zanoni, organizzatrice dell'evento, in sintonia con le linee programmatiche del Governo che ha evidenziato come «La Grande Guerra è stato (Continua a leggere...)