Post

“Aspettando che spiova” con Luigi Credendino e Gianluca d’Agostino, il pubblico in un frammento pirandelliano dell’esistenza