Visualizzazione post con etichetta Antonella Policastrese. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Antonella Policastrese. Mostra tutti i post

mercoledì 29 giugno 2016

A guardare questo Papa, di fede se ne vede ben poca. Bergoglio incarna la figura di un politico carismatico

Papa-fede-Bergoglio-figura-politico
Antonella Policastrese
CROTONE - Diceva Lutero “la salvezza inizia e finisce con la fede”. A guardare questo Papa, di fede se ne vede ben poca. Bergoglio incarna la figura di un politico carismatico che, muovendosi per il mondo, promuove non la figura del Cristo, ma di un sistema.  Più che redenzione delle anime c’è una distruzione di principi che per secoli sono stati l’impalcatura del Cristianesimo. E’ come se il Papa, nella sua ansia di rinnovamento, stesse trasformando e buttando giù i muri portanti del palazzo, con il rischio che un bel giorno si sgretoli in mille pezzi.

lunedì 13 giugno 2016

Cessione al Fai di “Villa Berlingeri” sul Lacinio. Giusto regalare un immobile costato 4 milioni di euro?

Fai-Villa-Berlingeri-Lacinio-immobile
CROTONE - Non è detto che se una cosa non sai come gestirla e utilizzarla e la regali al FAI (Fondo ambiente italiano) fai un buon affare. Magari se quella cosa: un antico palazzo in rovina; un castello diroccato; un parco degradato oppure un bosco secolare in preda ai gitanti della domenica, la metti sotto l’egida e la tutela della prestigiosa fondazione, sorta nel 1975, gli allunghi la vita e ne migliori l’esistenza.

giovedì 9 giugno 2016

Femminicidio crimine contro l'umanità. Emergenza che non si vuole affrontare perché siamo donne

Femminicidio-crimine-contro-lumanita-donne
Antonella Policastrese
CROTONE - Femminicidio o crimini contro l'umanità? Ancora un’altra donna ammazzata nel veronese dall’ex convivente. Ogni giorno una donna viene fatta fuori senza pietà. Si è perso il conto. Nella giornata dell’otto giugno addirittura i casi sono stati due, a Taranto e a Spilimbergo, per non parlare dell’orrore e dell’orribile fine che ha fatto Sara Di Pietrantonio, strangolata e poi bruciata. Il movente è sempre lo stesso: uomini che non sopportano di essere lasciati e agiscono privando della vita chi ha deciso di interrompere relazioni morbose, certamente malate se il triste epilogo porta una firma macabra che condanna a morte le donne, vittime di tanto sciacallaggio.

domenica 29 maggio 2016

A Crotone con Giorgio Albertazzi fu concepita una straordinaria “Lectura Dantis” su CD, gestazione a Palermo

Crotone-Giorgio-Albertazzi-Lectura-Dantis
Antonella Policastrese
CROTONE - Albertazzi, il suo mito riecheggia nell'eternità. Giorgio Albertazzi venne molte volte a Crotone, già prima del duemila, quando ancora la stagione teatrale era una consuetudine acquisita e quando la città aderiva a un circuito regionale per la programmazione teatrale che aveva sede a Cosenza. Un quarto di secolo addietro recitò al teatro Apollo alcuni monologhi tra i quali “Il tabacco fa male” di Anton Cechov.