venerdì 29 luglio 2016

Dopo il tumore, arriva il Reiki. Il supplemento alla terapia convenzionale nelle parole di Angela Chiumenti

tumore-Reiki-terapia-convenzionale-Angela-Chiumenti
Angela Chiumenti
ROMA - Mi chiamo Angela Chiumenti, tre anni fa sono stata operata per un tumore alla testa. Nei mesi successivi dopo l’intervento, mi sono sottoposta a varie sedute di Reiki che ha accelerato la mia guarigione. Il Reiki è un trattamento energetico, si effettua semplicemente trasmettendo energia attraverso le mani, viene utilizzato in numerosi ospedali nel mondo, molto meno in Italia, come supplemento alla terapia convenzionale.
Dopo aver riscontrato enormi benefici da questa tecnica, ho deciso di frequentare i corsi e diventare reikista a mia volta. Svolgo da diverso tempo, attività di volontariato due volte a settimana presso il reparto di neurochirurgia dell’ospedale San Filippo Neri di Roma, ottenendo ottimi riscontri, sia tra i pazienti che tra il personale medico ed infermieristico. Il Reiki aiuta a combattere le emozioni negative come ansie, paure e preoccupazioni, quindi può risultare molto utile in momenti particolarmente difficili della propria vita. Trattandosi di una tecnica dolce di rilassamento, senza effetti collaterali, il Reiki mira a ristabilire l'equilibrio fisico ed emozionale, e permette alla persona trattata di ottenere maggiori benefici anche nel caso in cui stia seguendo una cura prescritta da un medico di base o specialistico. Quando vado in ospedale comunque la prima persona ad ottenere benefici sono io, il sentirmi utile e di supporto per tante persone mi fa sentire bene. Vorrei che il Reiki prendesse piede nelle strutture pubbliche, ed è per questo che nel mio piccolo cerco di fare il possibile anche per diffondere la conoscenza di questa tecnica. A tale proposito ho anche creato un sito internet www.microportale.net/reiki dove settimanalmente scrivo tutto quanto accade in ospedale, comprese interviste a pazienti e personale di reparto. Invito chi mi legge a provare almeno una volta il volontariato, di qualsiasi tipo e in qualsiasi posto; scoprirete che ha un bellissimo effetto collaterale: apre il cuore alla gioia e all’amore per il prossimo.

Nessun commento :

Posta un commento